Biscotti di mele, strudel e “intrigoni”

Re-impossessandomi di una magnifica cucina, non potevano mancare dei dolcetti.

BISCOTTI DI MELE

Ingredienti:
una tazzina di olio di semi, una tazzina di acqua, farina q.b. (metà kamut, metà 00), sciroppo d’agave q.b. (oppure zucchero), 2 mele verdi, cannella, zucchero a velo (facoltativo).

Procedimento:
tagliare le mele a pezzetti piccoli e metterle in padella con la cannella, un filo di sciroppo d’agave e un goccio d’acqua.
Nel frattempo preparare la pasta (è la pasta dell’erbazzone, identica, solo senza sale): versare in una ciotola tanta acqua quanto olio (una tazzina basterà per una ventina di biscotti o poco più).
Al posto dello zucchero ho voluto usare lo sciroppo d’agave, non saprei dire quanto ce ne vuole, dipende dai gusti, a me piacciono abbastanza “aspri” perchè le mele mi piacciono poco dolci, quindi ne ho messo un cucchiaio circa.
Mescolare con una forchetta aggiungendo farina finchè ne viene assorbita. In questo caso io ho deciso di mescolare un po’ di farina di kamut e un po’ di farina 00, si può fare con qualsiasi tipo di farina anche senza mescolarne due tipi, chiaramente! :)
stendere la pasta non troppo fine e ricavarne delle forme circolari.
Appoggiare le mele su un “cerchio” e richiudere il biscotto con un altro “cerchio” premendo i bordi con una forchetta.
Cuocere in forno a 180° finchè non sono ben dorati.
Lasciare raffreddare e cospargere con zucchero a velo (facoltativo).
e… MANGIARE!

STRUDEL

Mi era avanzato del ripieno quindi l’ho arricchito e ho fatto altra pasta per creare un super strudel.

Ingredienti:
pasta dei biscotti, ripieno dei biscotti + due manciate di uvetta, una spolverata di cocco rapé, una manciata di pinoli, una manciata di mandorle a fettine.

Procedimento:
rifare la stessa pasta dei biscotti con le stesse quantità.
Questa volta la pasta va stesa un pochino (poco-poco) più sottile.
Con la quantità di una tazzina di acqua e una di olio vedrete che ne avrete in eccesso. A meno che non usiate il forno grande e quindi abbiate a disposizione una teglia molto grande per fare uno strudel particolarmente lungo. Io ne ho ritagliati dei pezzi e, in ogni caso, lo strudel era lungo 36-37 cm.
Anche per il ripieno il procedimento è lo stesso: basta unire nella padella gli altri ingredienti e farli passare a fuoco lento, con un goccio d’acqua, mentre si prepara la pasta.
Disporre il ripieno sulla pasta, arrotolare e cuocere in forno a 180° finchè lo strudel non è ben dorato sia sopra sia sotto.

INTRIGONI

con la pasta avanzata dello strudel ho fatto degli intrigoni al forno. Gli intrigoni sono quei tipici dolci di carnevale, di solito fritti, che prendono un nome diverso più o meno in ogni paese: chiacchiere, lattughe o che altro.
Gli intrigoni si chiamano così in Emilia, ed in particolare a Reggio Emilia (terra natale di mia madre) perchè presentano una specie di nodo centrale. Vedendo la foto è molto più semplice capire.

E’ semplicissimo: dalla sfoglia avanzata tagliare delle strisce non importa quanto lunghe o quanto larghe (almeno 2 dita). Con la rotella per la pizza o un coltello o qualsiasi cosa che tagli fare un taglietto in verticale al centro di ogni strisciolina. Prendere in mano l’ intrigone e inserire un capo nella fessura, il risultato è quello che si vede in foto. Veramente più facile a farsi che a dirsi! :)

Advertisements